Nevada e South Carolina: (veri) vincitori e (falsi) vinti

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

Partiamo dai dati, senza troppi giri di parole: nel Caucus del Partito Democratico in Nevada, Hillary Clinton ottiene il 52.7% dei voti; il consenso di Bernie Sanders si ferma al 47.2%. La former First Lady ottiene 19 delegati, il Senatore del Vermont 15.

Le Primarie Repubblicane in South Carolina consegnano la vittoria a Donald Trump con il 32.5% dei voti, lasciando indietro Marco Rubio (22.5%) e Ted Cruz (22.3%). Jeb Bush si piazza quarto con il 7.8%.

+25

Non ho mai nascosto la mia simpatia ed il mio appoggio per Bernie Sanders, e certo non mi fermerò ora. Le idee di Bernie, fresche e moderne, hanno raggiunto un livello impensabile fino a qualche mese fa. Per non parlare dello scorso anno quando, ancora tacciato di essere socialista (ve l’avranno detto tutti, questa è una parola che da sempre fa paura nella politica americana), cercava di spiegare che non è così impensabile promuovere un più alto salario minimo per i lavoratori, malattie e ferie pagate, college gratis. La società americana sta vivendo un periodo di rabbia: i ceti meno abbienti, stufi di dover subire le decisioni di un establishment incapace di dar loro risposte, ascoltano chi fornisce una speranza di reale cambiamento, e Bernie Sanders incarna perfettamente le qualità che loro cercano. Hillary Clinton fatica, fatica e ancora fatica ad imporsi, nonostante finanziamenti da capogiro e superPACs l’abbiano spalleggiata fin dal primo momento.

Solamente 5 settimane fa i sondaggi davano Sanders indietro di 25 punti rispetto alla Clinton. A me pare evidente che, de facto, il vincitore è lui. Spinto dalla super vittoria in New Hampshire, e dal pareggio in Iowa, il nostro “democratic socialist” ha clamorosamente recuperato, su tutti i fronti: i dati del Nevada mostrano come l’elettorato ispanico sia, ora, dalla sua parte.

E, soprattutto, raccontano tanto rispetto a due fondamentali qualità: onestà e fiducia. Secondo l’85% degli elettori democratici è Sanders che possiede queste due caratteristiche. Sanders fatica ancora tra l’elettorato nero: solo 1/4 degli elettori del Nevada ha preferito lui alla Clinton.

E’ ancora prestissimo per le previsioni: diciamo – anche per scaramanzia – che Shillary è ancora la favorita.

Il fronte repubblicano

E’ stata fallimentare la campagna elettorale di Jeb Bush: tutti lo davano per vincente, ma ha temporeggiato troppo nella decisione di candidarsi, logorando i benefici del suo nome, e lasciando spazio ad altri colleghi di partito come Marco Rubio, stella non più nascente del Grand Old Party, e Ted Cruz. Che ora vanno entrambi fortissimo, affossando il fratello dell’ex due volte Presidente George W.: si ritira, senza infamia né lode. Eppure, nonostante tutto, Jeb non è poi così male, specie se paragonato a Trump: potrebbe essere definito un moderato rispetto al magnate newyorkese, che con la sua retorica violenta e scellerata continua a fare il bello e il cattivo tempo sia tra i media americani che nel Partito Repubblicano.

Solo pochi giorni fa Trump ha ingaggiato un esilarante botta e risposta nientepopodimenoche col Papa (qui e qui). In tutto questo il fatto più divertente è stato, forse, il copy-editing del New Yorker della lettera di risposta scritta da Trump al Papa: da morir dal ridere.

Boynton-Copy-editing-Donald-Trumps-Statement-about-the-Pope2-795

Prossimi appuntamenti

Prima del Super Tuesday del 1° marzo, i Repubblicani se la vedranno in Nevada il 23 febbraio, mentre i Democratici si sfideranno in South Carolina il 27. Nella grande tornata del super martedì Clinton-Sanders e Trump-Cruz-Rubio e i restanti coraggiosi GOPs si contenderanno 12 Stati.

E se Hillary la finisse di nuovo così?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...