Categoria: Asia

Iran: Cardi, “nuclear deal works, proof that diplomacy brings solutions”

This article first appeared in Onuitalia, independent news site on Italy’s contribution to the life and ideals of the United Nations

by Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

NEW YORK, JANUARY 19 – The Iranian nuclear deal is working and is  “a proof of how diplomacy can effectively lead to a solution to nuclear non-proliferation issues”, the Italian Representative to the UN Sebastiano Cardi said on Wednesday, addressing a UN Security Council debate on non-proliferation convened by the Swedish rotating presidency. Cardi spoke in his national capacities after presenting, in his role as Facilitator, a six month report on the mechanism of implementation of the agreement announced in Vienna on July 14 2015 by the representatives of Iran, the five permanent members of the Security Council plus Germany, and the European Union.

c2fhymnwgaagx9c-620x264

Sebastiano Cardi, Permanent Representative of Italy to the United Nations

The deal, also known as Joint Comprehensive Plan of Action or JCPoA, has been set up with a robust and comprehensive structure, supported by a solid verification mechanism, in order to enhance the transparency of the deal. “From 18 July to 20 December 2016, there have been more than 72,000 page views of the resolution 2231 website – a key channel of information – for a total of more than 140,000 since its creation”, Cardi noted.

Italy inherited from Spain the role of Facilitator, as Rome became one of the ten non-permanent member of the Security Council on January 1 2017. Touching on the main three aspects of the document and mentioning the two quarterly reports on verification and monitoring activities of the IAEA, the Italian official specifies how Iran “has not pursued construction of the existing Arak heavy water research reactor based on its original design, and that Iran has not conducted any uranium enrichment or related research and activities at the Fordow Fuel Enrichment Plant”. Cardi quoted then the IAEA Director General, confirming that the Islamic Republic of Iran, removing all excess centrifuges and infrastructure from the Fordow Plant, has followed the guidelines of the JCPoA.

Previously Jeffrey Feltman, Under-Secretary-General for Political Affairs, said that the UN “has not received any report, nor is aware of any open source information regarding the supply, sale or transfer to Iran of nuclear-related items undertaken contrary to the provisions of the resolution”.

In his speech as Italian Representative, Sebastiano Cardi stressed on how Italy’s commitment to reinforce IAEA’s job remains strong, and highlighted the leadership role of Federica Mogherini, European Union Foreign Affairs High Representative, which coordinated the Joint Commission established by the JCPoA.

January 16 was the second anniversary of the Implementation Day, a milestone for the international community that shaped a new form of relations with Iran. Sebastiano Cardi said that “it is clear that the JCPoA is working for all”, and together with the 2015 Security Council resolution on ‘Ballistic missile-related transfers and activities’, has made important steps forward so far.

Andrey Karlov, Ambasciatore di Russia in Turchia, ucciso ad Ankara

Venti di guerra scuotono l’Europa e il Vicino Oriente, come nel 1914. Risale la tensione alla fine di un 2016 maledetto

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

E’ morto l’Ambasciatore russo ad Ankara Andrey Karlov.

Il diplomatico è stato colpito alle spalle, con colpi alla schiena e alla testa, durante l’inaugurazione di una mostra.

181020151501073614670_2

Andrey Karlov, Ambasciatore di Russia ad Ankara

Il Ministro degli Interni turco Suleyman Soylu ha raggiunto il luogo dell’attentato appena appresa la notizia.

Almeno altre tre persone sono state colpite dall’attentatore.

L’attentatore avrebbe urlato “Aleppo” e “vendetta” nel momento dell’aggressione al diplomatico russo.

 La Prima Guerra mondiale è scoppiata in seguito all’assassinio a Sarajevo dell’erede al trono di Austria-Ungheria Francesco Ferdinando. 

La Terza Guerra mondiale potrebbe scoppiare in seguito all’assassinio ad Ankara dell’Ambasciatore russo Andrey Karlov.

FAO in Emergencies: 10 years of support from Italian cooperation

This article first appeared in Onuitalia, independent news site on Italy’s contribution to the life and ideals of the United Nations

by Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

NEW YORK, OCTOBER 30 2015 –  From the plans to revive Ache’s tsunami-hit aquaculture industry in 2005 to current efforts to support Madagascar in the Locust crisis: within the last 10 years, Italy has intervened in emergencies on several occasions with logistic and financial aids to other nations. Recently the UN’s Food and Agriculture Organization (FAO) celebrated Italy’s support with a tweet that exemplifies how strong the Italian commitment is to the topic of food emergencies.

After the earthquake that hit Nepal in April, Italy immediately provided a grant of € 400.000 to the FAO, guaranteeing farmers the grain storage to prevent further food losses, seeds for summer planting and livestock support to keep surviving animals healthy and productive. The project, which began May 13, 2015, directly supported nearly 6000 severely affected families in 6 of Nepal’s most prominent districts.

1In June of 2015, Italy and other UN partners contributed an additional $3 million USD for emergency relief in order to resume agricultural activities and stave off the threat of prolonged food insecurity. The most urgent needs for the cropping season included seeds, fertilizers, tools and technical support. The repair and functioning of irrigation systems were critical for the winter cropping season, as well as the provision of barley and wheat seeds.

Much like the relations between Italy and its dedication to global commitment, the relations between Italy and the Middle-East countries has always been strong. In 2013, Italy made a contribution of approximately € 700.000 to support the winter wheat production in the Syrian Arab Republic. The main goal of the project not only aided in improving food security, but also assisted in improving the livelihood and nutrition conditions of vulnerable households living in the crisis-affected areas of Aleppo, Al-Hasakeh, Hama and Idleb governorates through the provision of cereal seeds.

In the last ten years FAO and the Italian Cooperation have worked together to address multiple challenges faced by 2Palestinians in maintaining their livelihood. Because of these initiatives, thousands of families now have greater and more sustainable access to vital livelihood supplies and services through activities such as rangeland rehabilitation by using drought-tolerant shrubs, the establishment of mobile veterinary centres, and the installation of rainwater cisterns and grey wastewater treatment units, which maximize scarce water resources.

In 2011, Italy supported eight-thousand families living in the provinces of Pyongyang, South Pyongan, North Hwanghae, South Hamgyong and South Hwanghae of the Democratic People’s Republic of Korea, by increasing potato production, strengthening multiplication of seed potato in net houses, and improving storage facilities.

The recent visit in Italy of the UN Secretary-General Ban Ki-moon, and his speech at the Italian Parliament, with the presence of the President of the Republic Sergio Mattarella, Senators, and Deputies of the Italian government, reaffirmed the importance of Italy’s role in international relations and its dedication to “leading across the rule of law agenda, lending the world its expertise in dealing with transnational crime and other threats,” ultimately proving how strong the Italian commitment is to the values and goals of the UN.

La riunione del Consiglio Nord Atlantico

Sul tavolo della NATO gli attacchi al confine turco e la nuova strategia di Ankara verso l’Isis

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

Press Conference NATO Secretary General Jens Stoltenberg

Il Segretario Generale della NATO, Jensn Stoltenberg. Photo: http://www.nato.int

Oggi il Consiglio Nord Atlantico, composto dai 28 ambasciatori dei Paesi membri della NATO, si riunisce su richiesta dellaTurchia per discutere dei recenti attacchi subiti al confine con la Siria. Ankara manda avanti parallelamente due operazioni militari: contro i curdi del PKK, rei d’aver ucciso nel sonno due poliziotti nella citta di Adiyaman, e di aver causato l’esplosione di un gasdotto al confine tra Iran e Turchia, e contro lo Stato Islamico, all’indomani del sanguinoso attentato del 20 luglio nella citta di Suruç che ha portato alla morte di 30 persone. La Turchia si è appellata all’articolo 4 del Patto Atlantico, che prevede la consultazione degli altri membri nel caso in cui l’integrità territoriale, l’indipendenza politica o la sicurezza di una delle parti fosse minacciata.
Continua a leggere

Renzi e l’amore ai tempi di Israele

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

Sorrisi

Netanyahu e Renzi alla Knesset. Photo: lapresse

Amcizia, radici comuni, destino: in queste tre parole si può riassumere l’intervento del Presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, alla Knesset, il Parlamento israeliano. Preceduto dal Presidente dell’Assemblea, Yuli-Yoel Edelstein, dal Premier Benyamin Netanyahu e dal leader dell’opposizione Isaac Herzog di Zionist Union, Renzi nel suo discorso ha stigmatizzato – così come fatto dai Presidenti del Consiglio suoi predecessori ospiti dei parlamentari israeliani – alcuni passaggi storici nel rapporto tra il mondo ebraico e l’Italia (su tutti, l’attuazione delle leggi razziali), ed elogiato altri positivi, con il ricordo della Brigata Ebraica, la quale si affiancò ai Partigiani nella lotta di liberazione.
Continua a leggere

Reporters Sans Frontières: in aumento le violenze contro i giornalisti

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

119 giornalisti rapiti, 66 uccisi, 178 imprigionati: i dati del round-up 2014 di Reporters Sans Frontières sono impietosi, e mostrano come il lavoro giornalistico, la libertà di stampa e il diritto di critica siano continuamente sotto attacco di governi, gruppi terroristici e di pressione. La violenza verso i giornalisti ha subìto un’impennata senza precedenti, con atti ostili e barbari finalizzati alla propaganda ideologica, col chiaro scopo di intimidire – ed oscurare – la ricerca della verità.

104474-md

Istanbul, la folla riunita per la commemorazione della morte di Hrant Dink di fronte alla sede del giornale Agos. Photo: Ozan Kose, Afp

Continua a leggere

The end: la fine delle operazioni militari NATO in Afghanistan

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

20141227_141228-141106a-022_rdax_775x440

Nuove leve. Il Presidente dell’Afganistan Ashraf Ghani stringe la mano al Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg. Foto: http://www.nato.int

“The security of Afghanistan will be fully in the hands of the country’s 350,000 Afghan soldiers and police. But NATO Allies, together with many partner nations, will remain to train, advise and assist them”. Il comunicato della NATO non lascia spazio ad ulteriori dubbi, confermando la fine delle operazioni – quello in Afghanistan è il più lungo intervento nella storia dell’organizzazione nord atlantica – nel Paese centroasiatico, senza però abbandonare del tutto il terreno: un messaggio alla Russia, al Pakistan, e alle varie componenti etniche e tribali afghane. Il nuovo Presidente eletto Ashraf Ghani ha da gestire un mandato elettorale delicato, appoggiato dal rivale Abdullah Abdullah, incaricato Primo Ministro: una Grösse Koalition a tutti gli effetti.
Continua a leggere

Thailandia, Annamaria Baldussi: “Un vero puzzle che può ancora esplodere”

Lo Stato in assoluto più occidentalizzato del sudest asiatico è in preda agli scontri per la lotta per il potere: “Un vero puzzle che può ancora esplodere”

di Matteo Meloni, da Il Portico di Domenica 6 giugno 2010

Twitter: @melonimatteo

preview_514c90a54acd40970a00001d

Annamaria Baldussi, Università di Cagliari. Photo: http://www.istella.it

Annamaria Baldussi, docente di Storia ed Istituzioni dei Paesi dell’Asia presso la facoltà di Scienze Politiche di Cagliari, spiega a Il Portico quali sono le premesse storiche e politiche che hanno portato ai cruenti scontri avvenuti nella capitale thailandese.

La Thailandia è una monarchia costituzionale che nel corso della storia ha fatto valere il suo ricco passato, tanto da non essere mai stata colonizzata dalle potenze europee.

Sicuramente il non essere stata colonia riserva alla Thailandia uno status importante in tutta l’area del sud est dell’Asia. Nel Paese, l’occidentalizzazione non è solo globalizzazione come la si potrebbe intendere: grazie ai suoi sovrani la Thailandia si è modernizzata, utilizzando l’inventiva dell’occidente e dell’Europa ma senza esserne sopraffatta. Nel 1932 si ha il passaggio del Regno del Siam all’attuale Thailandia, sotto forma di monarchia costituzionale, dimostrazione di vicinanza all’Occidente, tanto che nel 1939 gli USA legano con la nuova statalità che diventerà poi nel periodo della guerra fredda vero e proprio pilastro delle politiche statunitensi. Il Siam, così chiamato nell’antica accezione, è un Paese nel quale la tradizione buddhista è molto forte e come in tutte le regioni nella quale è presente tale religione i governanti hanno dovuto concertare le loro scelte politiche con i monaci, portatori del volere popolare.

Una modernizzazione all’occidentale sviluppatasi anche grazie all’invio di giovani thailandesi in Europa.

L’attuale sovrano, Rama IX, ha studiato in diverse scuole europee, acquisendo un bagaglio culturale di tipo occidentale. La Thailandia, aperta alle diversità, invitava consiglieri da tutta l’Europa affinché potessero trasmettere le loro conoscenze a quella che poi sarebbe stata la futura classe dirigente del Paese: consulenti dalla Germania per avere nozioni nel campo amministrativo, dalla Francia per la creazione di un codice di diritto comune e dall’Italia per ciò che riguardava l’aeronautica. La Thailandia, in questo senso, è un vero e proprio puzzle. Nonostante sia fortemente occidentalizzata, il sentimento di appartenenza alla religione buddhista rimane il collante dell’unità nazionale. Gli scontri di questi giorni sono scaturiti non da fattori etnici o tribali, bensì da uno scontro meramente politico.

Thaksin-Shinawatra-001

Thaksin Shinawatra. Photo: http://www.theguardian.com

La Thailandia ha subito numerosi golpe e colpi di Stato, l’ultimo dei quali ha portato all’attuale situazione.

Dopo l’elezione di Thaksin Shinawatra nel 2001 alla guida del governo, con oltre il 70% di voti, sem brava che per la Thailandia ci potesse essere un futuro quantomeno stabile. Eletto democraticamente e regolarmente, Thaksin dà inizio a nuove riforme in linea con i regimi democratici, tanto da prediligere una particolare attenzione per i ceti della popolazione meno abbienti, con lo scopo di ridurre il tasso di povertà. Avvia una politica di prestiti con bassissimi tassi d’interesse, dando una possibilità di riscatto alle fasce di società marginalizzate. La capacità di raziocinio della Thailandia finisce quando improvvisamente viene portato in evidenza un elemento che nelle democrazie dovrebbe rimanere in secondo piano, la lotta per il potere. Il Fronte Unito per la Democrazia si fa portavoce delle proteste della classe media, la quale si è sentita esclusa dalle attenzioni del governo. Alle elezioni politiche del 2005 il Fronte sfida le camicie rosse, detentrici della maggioranza di governo; il partito di Thaksin guadagna 377 seggi su 500 ma non potrà mai governare il suo secondo mandato: il primo ministro viene deposto con una sentenza della Corte Costituzionale che sancisce l’irregolarità del voto.

E’ cambiato qualcosa?

Nel metodo non c’è differenza con ciò accaduto ad Aung San Suu Kyi nel 1990. Tra i vari Paesi dell’area, la Thailandia è dunque il più instabile: ha conosciuto la democrazia, ma il suo cammino è evidentemente ancora lungo. Una democrazia con tratti thailandesi potrà essere raggiunta anche attraverso fasi di instabilità politica. Il timore è che tale instabilità possa spostarsi ai Paesi vicini.

Thailandia: un Paese tra stabilità e mille contraddizioni

Thailandia: un Paese tra stabilità e mille contraddizioni. Quello thailandese è un modello simile al capitalismo

di Matteo Meloni, da Il Portico di Domenica 6 giugno 2010

Twitter: @melonimatteo

La Thailandia è il Paese più modernizzato dell’area del sudest asiatico e che con maggior vigore ha introdotto un modello simile a quello capitalista. Apparentemente risulta essere una nazione stabile, grazie alla sua vicinanza politica ed economica con gli Stati Uniti, ma la grave crisi politica che questi giorni ha portato la Thailandia alla ribalta delle cronache internazionali ha radici molto profonde: numerosi colpi di Stato, 19, distacco della monarchia dalla realtà sociale del Paese e malcontento popolare, portato avanti dalle cosiddette camicie rosse, le quali da circa due mesi hanno occupato in 20mila il centro di Bangkok nella zona del mercato. L’attuale primo ministro ha condotto delle trattative con i leaders dell’opposizione, i quali chiedono nuove elezioni considerando illegittime quelle che hanno visto la conquista del potere da parte di Abhisit Vejjajiva. L’ex premier, Thaksin Shinawatra, esiliato a Singapore, porta avanti la lotta di dissidenza, nella speranza di un suo ritorno nel Paese del sud est asiatico. La rabbia degli oppositori all’attuale regime è montata a causa della sospensione delle trattative da parte governativa, quando Vejjajiva ha cassato la richiesta delle opposizioni di nuove elezioni. Il 13 maggio l’esercito attacca le camicie rosse nel centro della capitale, bloccando tutte le vie che portano al mercato. La repressione è violenta, l’esercito apre il fuoco, i morti sono numerosi: sale così a 82 il bilancio dei decessi e a 1800 quello dei feriti degli ultimi mesi di lotta. Il 19 maggio i portavoce delle camicie rosse per protesta si consegnano all’esercito, scatenando la violenza dei più giovani, i quali assaltano centri commerciali, negozi e il palazzo della Borsa della capitale, tra le più importanti dell’area. Ban Ki-Moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite, chiede il cessate-il-fuoco e l’apertura di un tavolo di trattative. Intanto le Ambasciate di Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada chiudono temporaneamente le loro missioni diplomatiche, anche a causa della vicinanza degli scontri tra le due fazioni nella zona degli uffici internazionali. Tra le vittime della violenza governativa il fotoreporter italiano Fabio Polenghi, 45 anni, che da tre mesi si trovava nell’ex regno del Siam per conto di una rivista europea. Colpito all’addome da un proiettile, Polenghi è deceduto dopo essere stato portato in un ospedale della capitale. Polenghi era intento a fotografare i dimostranti nel centro della capitale, nella zona di Saladeng. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha espresso il suo cordoglio per la morte del reporter, chiedendo che “siano rigorosamente accertate le circostanze e le responsabilità di quanto è accaduto”. Nei giorni scorsi un tribunale thailandese ha emanato un mandato d’arresto per Thaksin, considerato l’ispiratore delle violenze anti governative. Il dipartimento inchieste speciali della polizia thailandese ha spinto i giudici verso tale decisone dopo aver presentato come prova un video trasmesso pochi giorni prima l’escalation degli scontri nel centro di Bangkok, nel quale l’ex premier invitava le camicie rosse alla mobilitazione.