Etichettato: El Baradei

Egitto, il colpo di Stato sfida per la diplomazia

da Il Portico del 1° settembre 2013

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

Mohammed Morsi
Il presidente egiziano Mohammed Morsi (foto Maya Alleruzzo / AP)

La grave crisi politica egiziana sembra non arrestarsi. Dopo la deposizione del Presidente Morsi il ruolo dei militari si è prepotentemente riproposto come ago della bilancia dell’assetto istituzionale del Paese, causando nuove proteste e tensioni sempre maggiori. Il numero dei morti è, ormai, incalcolabile e le violenze provengono da entrambe le parti. È un dato di fatto che la guerra in atto risulta essere tra due establishment di origine completamente diversa. Da una parte si trovano i militari, forza sempre presente in ogni cambiamento del Paese che, nonostante le sconfitte avvenute negli anni passati con l’esercito israeliano, continua ad avere un certo appeal verso la popolazione; gli aiuti internazionali, specie quelli statunitensi, vanno a beneficio dei militari che, in questo modo, mantengono un potere interno di primo rilievo. Dall’altra, esiste una classe politica che continua ad essere debole, nonostante le recenti elezioni svoltesi democraticamente abbiano portato al potere la Fratellanza Musulmana, accusata di non aver saputo cogliere la reale volontà di cambiamento richiesta dagli elettori. Con la deposizione di Morsi, avvenuta il 3 luglio, e la successiva incarcerazione, è certamente avvenuto un colpo di Stato, atto che non aiuterà l’Egitto ad intraprendere la strada verso la democrazia. Inoltre, la Fratellanza è oggetto di una vera e propria persecuzione in tutto il Paese: è stato recentemente ucciso il figlio di Hasan al Banna, fondatore dei Fratelli Musulmani, ed arrestato Mohammed Badie, leader della Fratellanza. Badie è accusato di aver fomentato gli scontri dei giorni scorsi a Nasr City, città nella quale è avvenuto il suo arresto: egli sconterà la detenzione nel carcere Torah Mahkoum, lo stesso dove era imprigionato Mubarak. L’ex Rais, infatti, ha beneficiato di uno sconto sulla pena e la detenzione si è trasformata in libertà vigilata. Le sue condizioni di salute sono critiche: Mubarak trascorrerà la detenzione nella sua residenza a Sharm El Sheik. La scarcerazione dell’ex Presidente è un segnale verso la casta militare, sempre decisiva nei grandi cambiamenti al potere avvenuti nel Paese. È il generale al Sisi il vero fautore dell’attuale fase politica egiziana: nato nel 1954, egli non ha mai preso parte ad una guerra. Sisi fa parte della nuova nomenclatura militare assurta al comando dopo la deposizione del vecchio apparato, avvenuta durante il periodo di transizione tra la deposizione di Mubarak e le elezioni che portarono alla Presidenza Morsi. Il Capo delle Forze Armate attualmente svolge il ruolo di padre padrone dell’Egitto, assumendo decisioni importanti in maniera autonoma; gli uomini d’affari, amici di Mubarak, sono dalla sua parte perché sperano che Sisi utilizzi il pugno duro per riportare l’ordine nel Paese. Inoltre, anche gli operai hanno garantito l’appoggio al Generale: la classe operaia si è sentita tradita da Morsi e dalla Fratellanza, accusata di non aver realizzato il cambiamento auspicato ma di aver semplicemente introdotto al potere coloro i quali erano più vicini al movimento. Diversi analisti hanno parlato di guerra civile ma, al momento, è difficile indicare quale strada intraprenderà l’Egitto. Senza dubbi il Paese è crocevia di una serie di interessi di carattere geopolitico ed economico: se le tensioni non finiranno, e dovesse persistere la differenza di opinioni tra le potenze a livello internazionale, saranno a rischio gli accordi per il transito nel Canale di Suez. Quella egiziana è la nuova sfida della diplomazia internazionale, da giocare in un’area sempre più incerta, che realizza ripercussioni in tutto il mondo.

La crisi egiziana appare destinata a lasciare il segno nel Medio Oriente

640px-Mohamed_el-Baradei
Muhammad al-Barade’i

da Il Portico del 28 luglio 2013

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

La crisi egiziana vive una fase di evoluzione destinata a lasciare il segno. Dopo la fine del lungo mandato presidenziale di Mubarak, in carica dal 1981 al 2011, e la reggenza militare del Comandante dell’esercito Tantawi, la vittoria alle elezioni di Morsi nel giugno del 2012 sembrava aver dato all’Egitto un assetto stabile, rivelatosi, invece, l’ennesimo tentativo a vuoto di una politica incapace di saper raccogliere il malcontento dell’elettorato, a scapito dell’intera nazione. La Fratellanza Islamica, di cui Morsi è un esponente di primo piano, durante l’ultimo anno è stata accusata di voler portare l’Egitto “indietro di secoli”, così come ricorda l’ambasciatore egiziano in Italia Helmy in una recente intervista rilasciata a La Repubblica: “Invece di risolvere le questioni pressanti – la disoccupazione, la povertà, l’inflazione, il sistema d’istruzione – la Fratellanza s’è affrettata a imporre codici di abbigliamento, il velo alle donne, la jalabiya, che è la tunica agli uomini; a ridurre l’età minima matrimoniale femminile a 9 anni; a minacciare la chiusura dell’Opera perché anti-islamica. Insomma, erano intenti a spingere l’Egitto all’indietro, di secoli”. Durante la campagna elettorale per le presidenziali, erano in molti a non conoscere Morsi, mentre tutti avevano ben presente chi era il suo sfidante: Shafiq, rappresentante del vecchio regime e dunque legato alla figura di Mubarak. Gli egiziani, in quel momento, votarono più contro Shafiq che a favore di Morsi che, nel tempo, si è rivelato come semplice controfigura di al Shater, leader dei Fratelli Musulmani. Dopo un’iniziale fase nella quale Morsi sembrava voler dialogare con le varie parti in causa, egli non ha saputo mantenere la linea della “purificazione” dei vari settori dello Stato. Secondo Al Aswani, scrittore egiziano, “Ai Fratelli è consentito tutto quello che è nell’interesse del gruppo. Hanno licenziato un procuratore generale favorevole a Mubarak, ma invece di sostituirlo con uno indipendente, hanno nominato al suo posto un seguace della Fratellanza. Hanno dichiarato di voler “purificare i mezzi d’informazione”, ma hanno nominato un ministro delle comunicazioni di massa che molesta verbalmente le donne e piega le tv e i giornali statali al volere della Fratellanza… Per la prima volta nella storia egiziana, il presidente si è autoproclamato al di sopra della legge e della costituzione”. E il Paese si ritrova a dover fronteggiare nuovamente grandi manifestazioni, iniziate il 30 giugno e proseguite per le settimane successive. Sono state raccolte milioni di firme in una petizione che chiedeva la deposizione di Morsi, oggi incarcerato e accusato di spionaggio, incitamento all’uccisione di manifestanti e danni all’economia. La nuova La crisi egiziana appare destinata a lasciare il segno nel Medio Oriente presa di posizione dei militari ha portato alla nomina di Mansour a presidente ad interim dell’Egitto, con El Beblawi capo del governo. El Baradei, già presidente dell’AIEA, è stato nominato vice-premier e Ministro degli Esteri. Ma le tensioni non sembrano finire: nei giorni scorsi i manifestanti pro Morsi sono tornati a manifestare in piazza Tahrir, criticando duramente l’esercito accusato di aver realizzato un golpe militare, agendo in questo modo contro la democrazia egiziana, e per creare confusione sono stati sparati fuochi d’artificio. Si contano tre morti e diversi feriti, invece, negli scontri avvenuti a Mansura, una città sul delta del Nilo. Nel suo primo discorso alla nazione, il Presidente ad interim ha dichiarato: “Combatteremo la battaglia per la sicurezza fino alla fine, proteggeremo la rivoluzione, ricostruiremo la nazione e andremo avanti senza esitazione”. Ahdad Soueif, scrittrice egiziana, scrive sulle pagine del Guardian: “Le nostre istituzioni sono un guscio vuoto e il sistema giudiziario è corrotto e parziale. Abbiamo assistito alla rovina dell’élite politica che era considerata l’opposizione a Mubarak. L’esercito… ha mostrato una forte determinazione a perseguire i suoi interessi economici… Queste lezioni sono state imparate nel modo più duro: i giovani egiziani hanno perso amici, arti e occhi. È stata la seconda fase della rivoluzione”. La fase tre farà capire quale strada intraprenderà il nuovo Egitto.