Etichettato: HRW

Libia, migranti: l’accordo con l’Italia mette a rischio i diritti umani

Secondo Human Rights Watch l’Italia non rispettarebbe le leggi internazionali sul diritto d’asilo 

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

La recente approvazione da parte del Parlamento italiano della missione di supporto alla Guardia Costiera libica ha diversi punti oscuri. La denuncia arriva direttamente da Human Rights Watch.

Nello specifico, la ONG sottolinea come il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, non abbia chiarito dove verranno ricollocati i migranti presenti sulle imbarcazioni degli scafisti laddove la Marina Militareitaliana sarà coinvolta nel loro recupero.

Questo, secondo HRW, può portare l’Italia alla violazione delle leggi internazionali sui diritti umani, che prevedono la salvaguardia per i migranti dal rimpatrio in uno Stato dove potrebbero subire violenze.
Proprio l’Italia, ricorda HRW, nel 2012 si è vista cassare da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo la politica sui migranti del 2009: l’organo di giustizia vietò il trasferimento in Libia dei migranti intercettati sulle imbarcazioni dirette verso l’Europa.

Anche se le autorità italiane non riporteranno i migranti intercettati in Libia, ma semplicemente daranno appoggio logistico e d’intelligence alla Guardia Costiera libica per il loro rientro nel Paese nord africano, l’Italia sarà corresponsabile della violazione della legge internazionale, e potrebbe per giunta essere sanzionata per la violazione della Carta dei Diritti Fondamentali dell’UE, che tutela i soggetti richiedenti asilo.