Etichettato: melonimatteo

Italy confirmed to UNCITRAL, core UN body for international trade law

This article first appeared in Onuitalia, independent news site on Italy’s contribution to the life and ideals of the United Nations

by Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

NEW YORK – Another important result has been achieved by Italian diplomacy at the United Nations. After the election to ECOSOC, the UN’s central platform for reflection, debate, and innovative thinking on sustainable development, for the term 2016­2018, on Monday Italy was confirmed for another six years term as member of UNCITRAL, the core legal body of the United Nations system in the field of international trade law.

CTYYobUWoAEV8ZV

The UN General Assembly, New York

The General Assembly elected 23 member states in a membership of 60 nations. The United Nations Commission on International Trade Law has the role to formulate the rules on commercial transaction, with the goal to harmonize the global system. With Italy, Argentina, Australia, Austria, Belarus, Brazil, Chile, Colombia, Czech Republic, India, Israel, Iran, Lebanon, Mauritius, Pakistan, Philippines, Poland, Romania, Spain, Thailand, Turkey, United States, and Venezuela were elected or confirmed. The new term will begin 27 June 2016.

Trade means faster growth, higher living standards, and new opportunities through commerce. In order to increase these
opportunities worldwide, UNCITRAL is formulating modern, fair, and harmonized rules on commercial transactions. UNCITRAL’s framework is composed by 6 working groups on Micro, Small and Medium­sized Enterprises, Arbitration and Conciliation,Online Dispute Resolution, Electronic Commerce,Insolvency Law and Security Interests. The Commission alternates its annual sessions at United Nations Headquarters in New York, and in Vienna at the International Center. Italy is at the forefront in the Commission, with 2 representatives such as Maria Chiara Malaguti ­ President of the Working Group on Micro Small and Medium Enterprises (MSMEs), and Giusella Finocchiaro, ­Head of the Working Group on Electronic Commerce.

tumblr_nor44kefyM1tmdr5bo1_1280

The International Center of Vienna, VIC

Malaguti and Finocchiaro are both Professors in important Italian universities. Malaguti teaches International Law at Universita’ Cattolica del Sacro Cuore; she’s a lawyer and consultant for the Italian Ministry of Foreign Affairs. Giusella Finocchiaro, a lawyer as well, is Full Professor of Internet Law and Private Law at the University of Bologna.

Last May, Ambassador Sebastiano Cardi, Permanent Representative of Italy to the United Nations in New York, signed the United Nations Convention on Transparency in Treaty­-based Investor-­State Arbitration, an important agreement that represent a fundamental change from the status quo of arbitrations conducted outside the public spotlight.

Annunci

FAO in Emergencies: 10 years of support from Italian cooperation

This article first appeared in Onuitalia, independent news site on Italy’s contribution to the life and ideals of the United Nations

by Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

NEW YORK, OCTOBER 30 2015 –  From the plans to revive Ache’s tsunami-hit aquaculture industry in 2005 to current efforts to support Madagascar in the Locust crisis: within the last 10 years, Italy has intervened in emergencies on several occasions with logistic and financial aids to other nations. Recently the UN’s Food and Agriculture Organization (FAO) celebrated Italy’s support with a tweet that exemplifies how strong the Italian commitment is to the topic of food emergencies.

After the earthquake that hit Nepal in April, Italy immediately provided a grant of € 400.000 to the FAO, guaranteeing farmers the grain storage to prevent further food losses, seeds for summer planting and livestock support to keep surviving animals healthy and productive. The project, which began May 13, 2015, directly supported nearly 6000 severely affected families in 6 of Nepal’s most prominent districts.

1In June of 2015, Italy and other UN partners contributed an additional $3 million USD for emergency relief in order to resume agricultural activities and stave off the threat of prolonged food insecurity. The most urgent needs for the cropping season included seeds, fertilizers, tools and technical support. The repair and functioning of irrigation systems were critical for the winter cropping season, as well as the provision of barley and wheat seeds.

Much like the relations between Italy and its dedication to global commitment, the relations between Italy and the Middle-East countries has always been strong. In 2013, Italy made a contribution of approximately € 700.000 to support the winter wheat production in the Syrian Arab Republic. The main goal of the project not only aided in improving food security, but also assisted in improving the livelihood and nutrition conditions of vulnerable households living in the crisis-affected areas of Aleppo, Al-Hasakeh, Hama and Idleb governorates through the provision of cereal seeds.

In the last ten years FAO and the Italian Cooperation have worked together to address multiple challenges faced by 2Palestinians in maintaining their livelihood. Because of these initiatives, thousands of families now have greater and more sustainable access to vital livelihood supplies and services through activities such as rangeland rehabilitation by using drought-tolerant shrubs, the establishment of mobile veterinary centres, and the installation of rainwater cisterns and grey wastewater treatment units, which maximize scarce water resources.

In 2011, Italy supported eight-thousand families living in the provinces of Pyongyang, South Pyongan, North Hwanghae, South Hamgyong and South Hwanghae of the Democratic People’s Republic of Korea, by increasing potato production, strengthening multiplication of seed potato in net houses, and improving storage facilities.

The recent visit in Italy of the UN Secretary-General Ban Ki-moon, and his speech at the Italian Parliament, with the presence of the President of the Republic Sergio Mattarella, Senators, and Deputies of the Italian government, reaffirmed the importance of Italy’s role in international relations and its dedication to “leading across the rule of law agenda, lending the world its expertise in dealing with transnational crime and other threats,” ultimately proving how strong the Italian commitment is to the values and goals of the UN.

Marjorie Elliot’s Parlor Jazz

Marjorie Elliot suona il piano nel suo appartamento di Harlem, New York

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

Il suo nome è Marjorie Elliot, e da più di dieci anni apre a tutti le porte della sua casa di Harlem al terzo piano di 555 Edgecombe Avenue/160th Street. Lei suona il piano, insieme alle jazz band che ruotano a seconda del periodo. Ormai Marjorie è un’istituzione nel quartiere newyorkese, attirando ogni domenica, dalle 16 alle 18, decine di visitatori da tutto il mondo. Per poter entrare nel suo ‘parlor’ ed assistere allo spettacolo bisogna presentarsi con largo anticipo all’ingresso del palazzo.

“Quando iniziammo eravamo pochissimi – racconta la signora Elliot -, non più di sette o otto persone venivano ad ascoltare la nostra musica. Ma noi non abbiamo mai pensato che quello fosse importante, Piuttosto, il nostro obiettivo era trasmettere l’amore per il jazz e per tutte le culture attraverso l’apertura delle porte di casa. Qui tutti sono i benvenuti”.

Durante le due ore di esibizione, vengono offerti bibite e biscotti, con una generosità inaspettata e coinvolgente, che porta lo spettatore ad interagire con la band: si battono le mani, si canta, ci si scambia sorrisi affettuosi.

“Ricordo ancora il giorno in cui morì Martin Luther King – dice Marjorie, poco prima della conclusione del concerto -. Quel giorno ha cambiato tutti noi, spingendo la comunità nera ad essere sempre più unita. Il fatto che casa mia sia aperta a tutti, cristiani, ebrei, musulmani, bianchi e neri è il proseguimento del messaggio di King. Ciascuno di noi – continua la padrona di casa – appartiene all’altro. Amiamoci: io vi amo, e tornate a trovarmi quando volete”.

Video di Rafael Longo

Migranti, Bagnasco e Maroni attaccano l’ONU: “Come affronta la tragedia?”

Le Nazioni Unite nel mirino della Chiesa e della Lega Nord

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

“Mi chiedo se questi organismi internazionali come l’Onu, in modo particolare, che raccoglie il potere politico ma anche il potere finanziario, hanno mai affrontato in modo serio e deciso questa tragedia umana”. Il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, Angelo Bagnasco, se la prende col Palazzo di Vetro per la sua incapacità nell’affrontare la crisi dei migranti. Gli fa eco Roberto Maroni che, sul suo profilo Facebook, scrive:


Continua a leggere

Iran, il nucleare israeliano e il NUMEC

Il lungo percorso che porta all’approvazione dell’Iran Deal tra contraddizioni e pressioni esterne

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

netan-1

Benjamin Netanyahu. Photo: http://www.rt.com

“L’accordo con l’Iran produce minacce gravi ad Israele, al Medio Oriente, all’Europa e al mondo intero”, ha affermato Benjamin Netanyahu, Premier israeliano, all’indomani del trattato nucleare. E ha aggiunto: “In 10 anni l’Iran sarà in grado di dotarsi di un’arsenale nucleare. In questo lasso di tempo l’intesa permette al regime di Teheran di costruire quante centrifughe vuole, per arricchire in modo illimitato le scorte di uranio, accrescendo facilmente il numero di ordigni nucleari in suo possesso”. Allo stesso tempo, secondo il Primo Ministro, “nell’immediato l’accordo garantirà all’Iran centinaia di migliaia di dollari che saranno diretti verso la sua aggressività nella regione e al terrorismo che dissemina in tutto il mondo: altri fondi per i Guardiani della Rivoluzione, per Hezbollah, per Hamas, per il Jihad, per il terrorismo che l’Iran appoggia”. Eppure, negli anni ’60, Israele, tramite il Mossad e l’aiuto di un alto dirigente locale, avrebbe trafugato diverso materiale radioattivo da Apollo, cittadina della Pennsylvania, dove il NUMEC, Nuclear Materials and Equipment Corporation, aveva il suo stabilimento.
Continua a leggere

The Week: la settimana dal 3 all’8 agosto

La svolta verde di Obama

Il Presidente statunitense lancia il Clean Power Plan, provvedimento che impegna Washington a ridurre entro il 2030 le emissioni di Co2 del 32% rispetto ai livelli del 2005.

Il video rilasciato dalla Casa Bianca

Australia, sale la disoccupazione

Peggio delle aspettative il tasso di disoccupazione australiano nel mese di luglio, pari al 6.3% rispetto ad un atteso 6.1%: si torna così alle cifre del 2002. Meglio cercare lavoro altrove.

La prima intervista di Rafsanjani dopo l’accordo nucleare

L’ex Presidente iraniano Akbar Hashemi Rafsanjani parla per la prima volta ad una testata internazionale dopo l’accordo sul nucleare iraniano, analizzando i futuri rapporti di Teheran con gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita.

Il dibattito sulla scuola privata nei Paesi in via di sviluppo

Da sempre i governi centrali ritengono l’istruzione un loro monopolio ma ora, soprattutto nel sud del mondo, stanno nascendo diverse istituzioni private che, per 1 dollaro alla settimana, garantiscono un’istruzione adeguata.

Il raddoppio del Canale di Suez

Eseguiti in tempi record i lavori per il raddoppio del Canale di Suez, aperto nel 1869: secondo i media egiziani, porterà ad una grossa crescita economica e al cambiamento del balance of power nell’area.

Il video dell’andamento dei lavori

Il primo dibattito repubblicano: vincitori e vinti

L’analisi all’indomani del primo round dei candidati alla presidenza del GOP

Thomas L. Friedman: My Question for the Republican Presidential Debate

The New York Times, 5/08/2015

If I got to ask one question of the presidential aspirants at Thursday’s Fox Republican debate, it would be this: “As part of a 1982 transportation bill,President Ronald Reagan agreed to boost the then 4-cent-a-gallon gasoline tax to 9 cents, saying, ‘When we first built our highways, we paid for them with a gas tax,’ adding, ‘It was a fair concept then, and it is today.’ Do you believe Reagan was right then, and would you agree to raise the gasoline tax by 5 cents a gallon today so we can pay for our highway bill, which is now stalled in Congress over funding?” Continua a leggere

Joe Biden scende in campo

Il vice presidente starebbe valutando la sua candidatura alle presidenziali del 2016

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

Biden e Obama

Joe Biden e Barack Obama: Photo: Flickr

“Il Presidente è convinto che la migliore scelta politica che abbia mai fatto in carriera sia stata quella di aver scelto Joe Biden come suo vice”: le parole di Eric Schultz, portavoce presso la Casa Bianca, lanciano un vero e proprio sasso nelle acque fin’ora abbastanza tranquille delle primarie democratiche che sceglieranno il possibile successore di Obama. Se da una parte la candidatura di Hillary Clinton sembra la più forte, non è da sottovalutare la figura di Bernie Sanders, Senatore del Vermont, promotore di iniziative importanti sul cambiamento climatico e sul salario minimo. Ma la discesa in campo di Biden cambierebbe le carte in tavola.
Continua a leggere

La riunione del Consiglio Nord Atlantico

Sul tavolo della NATO gli attacchi al confine turco e la nuova strategia di Ankara verso l’Isis

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

Press Conference NATO Secretary General Jens Stoltenberg

Il Segretario Generale della NATO, Jensn Stoltenberg. Photo: http://www.nato.int

Oggi il Consiglio Nord Atlantico, composto dai 28 ambasciatori dei Paesi membri della NATO, si riunisce su richiesta dellaTurchia per discutere dei recenti attacchi subiti al confine con la Siria. Ankara manda avanti parallelamente due operazioni militari: contro i curdi del PKK, rei d’aver ucciso nel sonno due poliziotti nella citta di Adiyaman, e di aver causato l’esplosione di un gasdotto al confine tra Iran e Turchia, e contro lo Stato Islamico, all’indomani del sanguinoso attentato del 20 luglio nella citta di Suruç che ha portato alla morte di 30 persone. La Turchia si è appellata all’articolo 4 del Patto Atlantico, che prevede la consultazione degli altri membri nel caso in cui l’integrità territoriale, l’indipendenza politica o la sicurezza di una delle parti fosse minacciata.
Continua a leggere

Renzi e l’amore ai tempi di Israele

di Matteo Meloni

Twitter: @melonimatteo

Sorrisi

Netanyahu e Renzi alla Knesset. Photo: lapresse

Amcizia, radici comuni, destino: in queste tre parole si può riassumere l’intervento del Presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, alla Knesset, il Parlamento israeliano. Preceduto dal Presidente dell’Assemblea, Yuli-Yoel Edelstein, dal Premier Benyamin Netanyahu e dal leader dell’opposizione Isaac Herzog di Zionist Union, Renzi nel suo discorso ha stigmatizzato – così come fatto dai Presidenti del Consiglio suoi predecessori ospiti dei parlamentari israeliani – alcuni passaggi storici nel rapporto tra il mondo ebraico e l’Italia (su tutti, l’attuazione delle leggi razziali), ed elogiato altri positivi, con il ricordo della Brigata Ebraica, la quale si affiancò ai Partigiani nella lotta di liberazione.
Continua a leggere